Title Partner

Presented by

Scopri la classifica
Contest Ended
(1968) Il “Principe”, così è chiamato il più veloce windsurfista italiano. Campione europeo windsurf speed nel 2009, è stato il primo “paisà” a planare a oltre 40 nodi di velocità sulla sua tavola. Oggi è il creatore ed organizzatore dell’evento Prince of Speed, dove vince chi va più veloce in condizioni di vento forte e mare piatto, sui 500 metri e sul miglio nautico.
7241 Voti
La loro storia ha fatto sognare tutti: casa venduta, barca comprata, salpati per il giro del mondo con i tre figli a bordo di Shibumi, un Mikado 56. “Preso atto che non abbiamo le vite dei gatti, abbiamo deciso di giocarci tutto per vivere come meglio crediamo l’unica vita che ci è concessa, o per lo meno provarci”.
3165 Voti
(1956) Luca Bassani ha “reinventato” la nautica a partire dal 1989, portandola a livelli di comfort e di easy sailing fino ad allora impensabili. I suoi Wally hanno settato nuovi standard: andare in barca deve essere prima di tutto semplice. Come dice lui, “l’eleganza viene di conseguenza”. 
6998 Voti
(1929) Salpare a 91 anni per un giro d’Italia a vela? Fatto! Questa la grande impresa di Mario Battilanti, 91 anni suonati, che ha fatto il giro d’Italia a vela, partendo da Spezia, sul Lumiere III, un’Orca di 13,50 metri del 1980. “Non sono un fenomeno. Ma che devo fare stare a casa a misurarmi la pressione?”, ha dichiarato.
113 Voti
(1991) Velista dell’Anno TAG Heuer 2019 e 2020 Beccaria è ad oggi l’unico italiano ad aver vinto la Mini Transat, la mitica traversata atlantica in solitario a bordo di un piccolo Mini di 6,5 m, davanti ai francesi che hanno sempre monopolizzato la regata.
309 Voti
(1946) La magnifica ossessione dell’imprenditore si chiama Coppa America e fa bene alla vela italiana. Giunto alla sua quinta sfida con Luna Rossa,è l’uomo che può ancora farci sognare, a distanza di oltre 20 anni dalla sua prima esperienza in America’s Cup.
6994 Voti
(1958) Con Lorenzo Argento ha progettato i nuovi First e Oceanis di Beneteau, il più grande cantiere di barche di serie del mondo. Una bella sfida per il progettista, uno dei guru dell’high performance a vela, elaborata nella lunga esperienza in Coppa America sin dal 1989 con il Moro di Venezia e, successivamente, con i team Pact 95, Young America BMW Oracle Racing, Luna Rossa, Team New Zealand, e più recentemente anche nel campo dei Volvo Open 70 oltre che nelle barche “premium” come gli Advanced.
77 Voti
(1973) Il timoniere di Luna Rossa è uno dei velisti italiani in attività più completi, eclettici e titolati: in 30 anni di carriera sportiva ha al suo attivo 7 titoli Mondiali, 5 Europei e 15 Nazionali in varie classi, dal Laser all’altura, dalla Star al 49er ed è stato primo nel ranking mondiale ISAF di Match Race nel 2011.Ha partecipato a tre olimpiadi ed è vicecampione del mondo nella classe Moth. Questa è la sua quinta America’s Cup, la quarta con Luna Rossa…
7300 Voti
(1974) Assieme al fratello Francesco, “Ganga” ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney 2000 nella classe 49er. È stato stratega dell’imbarcazione italiana +39 durante la Coppa America 2007. Oggi è coach della squadra olimpica di Nacra 17 e i suoi ragazzi vanno fortissimo.
150 Voti
Con la sua associazione New Sardiniasail Simone Camba, poliziotto che utilizza la vela come mezzo di recupero e riscatto sociale. Ragazzi con problemi giudiziari o familiari, migranti, poveri. Lui fa di tutto per trasformarli in marinai e dar loro un futuro.
8393 Voti
(1961) Ingegnere navale e meccanico, ottimo velista, ha raggiunto importanti risultati sia sulle derive che sulle imbarcazioni IMS.  La sua prima esperienza in Coppa America fu in occasione della sfida de il Moro di Venezia come responsabile del CFD e delle prove in vasca navale. Ha fatto parte del team Luna Rossa dal 2004 al 2007 per poi diventare membro del team di Oracle dal 2007 al 2013, con la quale ha vinto due America’s Cup, e di BAR nel 2017.
84 Voti
(2006) Il giovane velista in forza alla LNI di Ostia ha trionfato al Campionato Europeo 2020 di Optimist in Slovenia, confermandosi come una delle promesse da tenere d’occhio in questo 2021…
347 Voti
(1959) L’unico Velista dell’Anno non italiano fu Paul Cayard, mitico timoniere americano del Moro di Venezia di Raul Gardini, che arrivò a giovarsi i la Coppa America nel 1992. Starista di assoluto livello (campione mondiale nell’88), ha trionfato con la squadra italiana all’Admiral’s Cup del ’95 e alla Whitbread (oggi conosciuta come Volvo Ocean Race) del ’97 al comando della svedese EF Language. Oggi si è tagliato i suoi famosi baffi, ma è sempre fortissimo sui campi di regata.
7033 Voti
(1988) L’incarnazione della velista moderna “multitasking”. Due Olimpiadi alle spalle (la prima nel 2012 in Laser Radial, poi in 49er FX in Coppia con Giulia Conti nel 2016), poi l’esperienza oceanica con la più dura delle regate d’equipaggio, la Volvo Ocean Race (giro del mondo a tappe), a bordo di Turn The Tide on Plastic, nel 2017/18.
121 Voti
(2005) Al Campionato Europeo Laser 4.7 2020 in Portogallo l’Italia ha conquistato il titolo della categoria Under 16 con “Dodo” Domenico Lamante (LNI Pescara). Lamante ha conquistato anche il terzo posto e la medaglia di bronzo nella classifica assoluta dell’Europeo: un futuro radioso di prospetta per l’atleta abruzzese.
6853 Voti
(1976) L’armatore dei Maserati di Soldini (prima il VOR 70, adesso il trimarano volante) è un vero appassionato di vela, proprio come il nonno, l’Avvocato Agnelli. Il presidente di Exor e Fca appena ne ha la possibilità sale a bordo con Soldini, come all’ultima Rolex Middle Sea Race. “Io in barca mi aspetto di vincere”, ha detto.
90 Voti
(2006) Un vero e proprio dominio al Campionato Europeo di Optimist in Slovenia nella classifica femminile, quello della triestina Rebecca Geiger. Dietro di lei un’altra italiana, Luisa Vucetti. Dietro, il vuoto. Rebecca farà sicuramente parlare di sé.
6985 Voti
(1984) Il merito della velista pesarese è quello di aver fatto avvicinare tante persone alla vela con le sue seguitissime videolezioni “basic” online. Partita dal basso, spesso criticata da una certa comunità velica “snob”, non si è mai abbattuta ha compiuto la traversata in solitaria da Barcellona a Pesaro su un Mini 650.
1268 Voti
(1991) Seguitissima sul web, a gennaio del 2019, all’età di 28 anni, ha deciso di fare il grande salto e trasferirsi a vivere a bordo di Churingas, barca a vela di 10 metri, trasformandola nella sua “barca dolce barca” con cui girare il mondo. Che testimonial per la vela!
7651 Voti
(1964) Unico italiano nella storia ad aver vinto la Route du Rhum e unico velista al mondo ad aver vinto due Ostar e una Twostar con record tuttora imbattuto. Ha vinto una Louis Vuitton Cup come randista sul Moro di Venezia. Noi lo premiammo nel 2014 come Velista dell’Anno per la vittoria alla Ostar 2013.
91 Voti
(1975) Una vita per la vela, la sua. Sacrifici e duro lavoro, gli ottimi risultati alla Mini Transat (quarto e secondo posto), il grande ottavo posto al Vendée Globe da poco concluso (nessun italiano ha fatto meglio di lui). Il marinaio fiorentino, Velista dell’Anno 2016, è un esempio: se vuoi, puoi.
6985 Voti
(1949) Probabilmente si contende con Soldini il titolo di velista più famoso d’Italia. Timoniere di Azzurra nell’83, fortissimo regatante (scuola Finn), ha preso e prende parte a tutte le più importanti regate d’altura nel mondo. Averlo a bordo è una garanzia!
108 Voti
(2004) Una medaglia prestigiosa è arrivata nella classifica femminile assoluta dell’Europeo Laser 4.7 2020, con l’argento per il secondo posto finale di Carlotta Rizzardi (CV Torbole)
156 Voti
(1970) Semplicemente, la miglior velista olimpica italiana di sempre: quattro medaglie olimpiche (un oro a Sydney nel 2000, un argento e due bronzi) tra tavole a vela Mistral e RS:X, quattro volte Velista dell’Anno. Chissà se qualcuno riuscirà mai a eguagliare la grandissima Alessandra, oggi vicepresidente del CONI.
207 Voti
(1979) Il randista dell’AC 75 Luna Rossa, Velista dell’Anno 2010, è un campione indomito. Con il fratello Gianfranco è stato il più bravo interprete della classe 49er in Italia. Nel 2008 si è visto “strappare” dal collo il bronzo olimpico per una vera e propria scorrettezza perpetrata da un equipaggio avversario e non sanzionata dai giudici di regata, nel 2012, anno nel quale avrebbe dovuto prendersi la rivincita a Londra, un angioma gli ha impedito di partecipare alle Olimpiadi. Ma si tratta di un campione indomito, che ha sempre saputo rialzarsi e superare le difficoltà. E ora ci fa sognare in Coppa America
7228 Voti
(1971) Non puoi dire Luna Rossa senza Max Sirena. Max è alla sua settima partecipazione all’America’s Cup (e ne ha vinte due, con gli americani e i neozelandesi). Con il team Luna Rossa del suo amico Patrizio Bertelli ha partecipato alle sfide del 2000, vincendo la Louis Vuitton Cup, e del 2003 e 2007 nel ruolo di aiuto prodiere. È diventato quindi Skipper e Team Director di Luna Rossa nella campagna per la 34esima America’s Cup, tenutasi a San Francisco nel 2013. Oggi, sempre nel ruolo di Skipper e Team Director, è alla guida del team Luna Rossa Prada Pirelli nella sfida per la 36esima America’s Cup.
7132 Voti
(1966) Il più famoso velista che abbiamo in casa. Ad oggi, è l’unico italiano ad aver vinto un giro del mondo in solitario. La mitica Around Alone 1998/99 sull’Open 60 Fila. La vinse e salvò la vita alla velista Isabelle Autissier, rovesciatasi in Pacifico. Attualmente è a caccia di record in giro per il mondo con il suo maxi trimarano volante Maserati. 
116 Voti
(2007) Sorella minore di Nicolò, ha lo stesso talento del fratello. Ad Almerimar (Spagna) ha trionfato nella sua categoria vincendo l’oro nella Youth World Cup nella categoria Slalom.
944 Voti
(2004) Il giovane fenomeno del windsurf, già campione del mondo U17 nel 2019 in Croazia, ha vinto ad Almerimar (Spagna) la Youth World Cup nella categoria Slalom. Quattro “heats” (prove), quattro primi. Chapeau.
1297 Voti
(1969) Vasco Vascotto (due volte Velista dell’Anno, nel 2000 e nel 2006)  è una vera e propria macchina da regata. Forte, fortissimo, titolatissimo. Durante la sua lunga carriera ha collezionato numerosi successi: 25 titoli mondiali, 25 italiani e 15 europei nelle classi off shore per monotipi, dal J/24 al TP52, dal Farr 40 all’ ORC 670. Ha vinto tre MedCup e una Admiral’s Cup. Ha partecipato a due campagne di Coppa America, di cui questa è la prima con Luna Rossa.
344 Voti